Un tempo tutto ciò che era diretta emanazione dello Stato costituiva garanzia assoluta per i cittadini.
Anche una limitazione imposta, seppur riguardante diritti costituzionalmente protetti, non vedeva diffidenza e/o resistenze, perché il cittadino sapeva che avrebbe avuto sempre lo Stato al proprio fianco.
Dunque, chiedo ai sapienti di questo secolo: cosa è cambiato e perché non hanno più fiducia nelle istituzioni?
Sarà un problema di credibilità di chi le rappresenta?
Allora, un invito a coloro i quali spesso richiamano, per mera circostanza, Papa Francesco: leggete i suoi scritti, ma attentamente!
Scoprirete che la migliore politica non è sottomessa all’economia e non è marketing!